C.L.R. Coordinamento Lesbiche Romane

Ma però di Moira Ferrari

131206_ma_però_web

Se non sei potuta venireQUI puoi guardare lo spezzone dal titolo “19 marzo, giove”

Coordinamento Lesbiche Romane

Presenta

Ma però

Reading con Angela Soldani tratto dal romanzo omonimo di Moira Ferrari

L’opera che verrà messa in scena consiste nella rappresentazione di una finzione tratta da un diario, una auto-fiction; il classico genere letterario comprendente memorie personali. La protagonista, Virginia, fa la seconda media e comincia a scrivere un diario. Continuerà per un anno …

Poiché parla dell’amore tra donne, “Ma però” è un romanzo lesbico, perché il lesbismo è una questione d’amore. L’opera dissacra molti altari della lesbian way of life, certo romanticismo, ma anche alcuni sacri rituali del lesbismo politico; non per questo “Ma però” è opera nichilista, come non lo era l’autrice: un conto è l’esercizio anche sfacciato della critica, altro è la posa della demolizione di ogni speranza e di ogni rischio.

Alla dissacrazione si accompagna una timida, umile ma solida consacrazione della dignità del conoscere, dell’amare e anche del lottare. Tutto questo in una lingua giocosa e colta, con divagazioni, rimandi, dialetti, sciarade e acrostici, citazioni, stranierismi, poesie, perché la passione dell’autrice era la vita e questa si esprime con la forza della lingua.

Moira Ferrari: nata a Pistoia nel 1965, prematuramente scomparsa nel 2008. In una occasione pubblica si presentò con queste parole: “è una splendida lesbica dell’acquario, gattolica praticante; ama leggere bere fumare scrivere e criticare tutto e tutt*; da piccola avrebbe voluto essere pittrice e milanese, invece è filologa romanza, insegna lingua e letteratura francese nei licei e si divide tra Firenze, il Mugello e Tokyo, dove vive la sua compagna; è stata lesbica e separatista da quando ha memoria di sé, perciò ha partecipato a convegni ed eventi lesbici dal 1981 in poi, e ne ha organizzati”. A noi piace ricordarla così, nel tempo presente.

Angela Soldani: toscana, è un’attrice lesbica comica da anni molto apprezzata nel movimento. Ha interpretato le opere teatrali di Elena Rossi L’Annuncio (1996), La Batongheide (1998), Primo piano (2005), FaStrAmAstro i.t.s. (2009), Punti di vista/Spunti di svista (2010) spettacoli che hanno avuto numerose repliche all’interno di eventi lesbici e gay: interpreta anche le poesie di Elena Rossi, Rime tempestose. Nel 2005 ha tenuto un seminario sull’urlo al campo lesbico di Agape (Torino). Al cinema la si può vedere nei lungometraggi di Milli Toia Le pietre del sapere, L’ordine delle stelle, Le pietre degli inganni, Le pietre e l’amore

6 Dicembre 2013

Ore 18.00

Sala Simonetta tosi

Casa Internazionale Delle Donne

Via San Francesco di Sales 1/b

 

ingresso solo donne

 

virginiawoolf. Ho comprato la mia libertà

 

13.11.22_locandina_clr_web

Venerdì 22 Novembre 2013 

ore 18,30

Casa Internazionale Delle Donne – Sala Simonetta Tosi
Via San Francesco di Sales 1/A, Roma

presentazione de l libro

‘‘virginiawoolf
Ho comprato la mia libertà’’
di
Alessia Ballini

intervengono:

Elena Biagini e Giovanna Olivieri

Un’analisi quanto mai attuale negli strumenti critici utilizzati e nella capacità di elaborazione della tematica woolfiana, nata dalla passione per l’icona indiscussa della letteratura femminile del Novecento. Un saggio in cui lo studio accademico si salda con la tensione intellettuale di chi vuole capire il mondo e opporsi agli stereotipi. Perché la letteratura era per Alessia Ballini una passione intellettuale nella quale confluiva la riflessione sulla realtà materiale nella quale si trovava a vivere; con spirito libero e fedeltà verso se stessa. L’autrice ha qui saputo trasformare l’impegno di studiosa in un’esperienza culturale e politica viva che traspare in ogni pagina scritta del suo libro

Il libro è pubblicato dalla Società Editrice Fiorentina nella collana “Genio femminile. Ritratti e istantanee” curata da “Archivio per la Memoria e la scrittura delle donne Alessandra Contini Bonacossi” nata nel 2008 proprio grazie alla spinta e al sostegno di Alessia Ballini nel suo ruolo di Assessore Provinciale.

INGRESSO SOLO DONNE

 

La Donna Lumaca – Storie di donne, fuori dal guscio!

La donna lumaca di Rosaria Iodice

Il Coordinamento Lesbiche Romane e il Caffè Letterario incontrano la scrittora Rosaria Iodice per parlare del suo libro LA DONNA LUMACA

Il Libro: “Era il 1937 quando vidi la luce a Pozzuoli, un paesino della zona flegrea dove la solfatara non ha mai dimenticato di farsi sentire, e qui che la madre raccontava alla figlia che era nata in una giornata di sole». Il destino è beffardo a volte, o forse siamo noi a costruire un destino che col sole non ha nulla in comune

L’autrice: 47 anni, napoletana, vive a Bari dal 2000. Nel 2003 pubblica il suo primo racconto con Mondadori, nell’antologia Principesse Azzurre Last Minute curata da Delia Vaccarello, nel 2011 è finalista al premio internazionale città di Barletta con il racconto pubblicato L’equilibrista, finalista al premio città di Barletta 2012 con il racconto pubblicato Accadde nel borgo di Bocco. Appassionata e cultrice di filosofie orientali, è una convinta sostenitrice che nulla accada per caso. neppure questo libro.

La donna lumaca” di Rosaria Iodice, Lupo Editore: storie di donne, fuori dal guscio!

Vi aspettiamo per parlarne insieme e ascoltarne alcuni frammenti

Venerdì 7 Giugno 2013 ore 18,30
Sala Simonetta Tosi – Casa Internazionale Delle Donne – Via San Francesco di Sales 1/A – Roma

L’evento è inserito tra le iniziative del Gay Pride 2013

INGRESSO SOLO DONNE

Per info scrivete a contatti@clrbp.it

Quattro Quarti di Giulia Dalena

12.11.16_libro_quattro_quarti_mini_mini

Il Coordinamento Lesbiche Romane

 

 Incontra

 

 Giulia Dalena

 

Scrittora lesbica femminista ed il suo libro

 

 QUATTRO QUARTI

 

QUATTRO QUARTI è una raccolta di schegge, di istantanee, di ricordi, che raccontano una queste vite, facendo risuonare quella voce di dentro che tante donne nemmeno pensano di avere, nemmeno odono o vogliono sentire: dalla presa di consapevolezza di essere aliena al sistema-mela alla fatica di riscrivere il proprio vocabolario, dall’incontro fortificante con le altre donne alla condivisione della lotta politica con loro.

Come lo vuoi questo mondo bambina?

– Come una mela …

E dove abiterai?

– In una delle due metà, è ovvio.

E chi la governerà questa mela?

– La governeranno il re e la regina

E tu sarai re o regina?

– Io sarò regina, è ovvio!

E fuori dalla mela cosa ci sarà?

– Niente.

Perché?

– Perché io e il mio re non potremmo governare tutto ciò che sta al di fuori …

Il nostro amore non è la mela. Ingovernabile e sfuggente al controllo.  Non si iscrive, non quadra, non si assimila alle due metà assiomatiche. Non è spicchio né buccia né baco. È un altro frutto. È un altro dizionario. Il nostro frutto genera altre polis. La notizia è di quelle scandalose: c’è vita fuori dalla mela. Esistono storie, progetti, passioni e modelli di scarpe che non vengono rappresentati sui cartelloni pubblicitari, non trovano posto nel linguaggio, non hanno voce in capitolo nell’immaginario collettivo e nelle stanze dove si dettano le leggi. Fuori dalla griglia onnivora dell’eterosessualità e del potere maschile ci sono mondi e frutti diversi. Per esempio ci sono le lesbiche, ci sono le femministe, e tutte le donne che non si piegano all’ordine impartito dalla cosiddetta normalità.

   Vi aspettiamo per parlarne insieme all’autrice ed ascoltarne alcuni frammenti

 Venerdì 16 Novembre 2012

 ore 18.30

 

Casa Internazionale Delle Donne

Via San Francesco di Sales 1/B

 INGRESSO SOLO DONNE

 Per info: contatti@clrbp.it

 

 

 

 

Non tutto è perduto di Sara Zanghì

  non tutto è perduto di Sra zanghìCoordinamento Lesbiche Romane e Caffè Letterario

Incontrano

Sara Zanghì – poeta e scrittora

in occasione dell’uscita del suo ultimo libro

NON TUTTO E’ PERDUTO. Otto storie di donne

Giovedì 12 Aprile 2012 ore 18.30

 il libro:

I racconti di Sara Zanghì propongono otto avvincenti storie al femminile, che portano il lettore dai vicoli pro-fumati di zenzero della kasba di Marrakech, dove A-nais si guadagna da vivere facendo da guida ai turisti occidentali, fino alle calli della laguna veneziana, luogo che la scrittrice americana Constance sceglie come teatro del proprio suicidio in un giorno di primavera. Altre donne e altre storie si avvicendano nel libro: storie tutte diverse per ambientazione e suggestioni che spaziano dal lontano Ottocento fino ai giorni attuali; donne accomunate dalla stessa capacità di reagire di fronte alle difficoltà, di reinventare la propria identità superando il pregiudizio e perfino di ribellarsi, ciascuna a suo modo, al ruolo che la società maschilista o la famiglia patriarcale impongono loro. È un mondo femminile coraggioso e portatore di valori positivi, presentato con la semplicità e la delicatezza che contraddistinguono la scrittura di Sara Zanghì: otto storie senza tempo, valide ora come ieri e domani come oggi, che dimostrano appunto come non tutto sia perduto.   Siciliana, vive a Roma. Ha pubblicato le raccolte di poesie Fort-da (Il lavoro editoriale, 1986), Il circo smantellato (in Testarda tregua, Sciascia, 1987), Una sospettata inclinazione (Empirìa, 1995), il libro di racconti Io e loro (Empirìa, 1992, tradotto in spagnolo da Hierbaola, 1993) e i romanzi La cima della stella (Empirìa, 1998; seconda edizione 2006), Nebris (Empirìa, 2003) e Ma-tilde, come una leggenda (Tufani, 2008).

 Sala Simonetta Tosi c/o Casa Internazionale delle Donne Via S. Francesco di Sales 1/b

Per info: contatti@clrbp.it

 

 

 

R/esistenze lesbiche nell’Europa nazifascista


11.02.11_libro_r-esistenze_lesbiche_mini

Venerdì 11 Febbraio  2011

ore 18.30

 Coordinamento Lesbiche Romane

Area Cultura Casa Internazionale Delle Donne

 

presentazione del  libro

R/esistenze lesbiche

nell’Europa nazifascista

 

a cura di Paola Guazzo, Ines Rieder, Vincenza Scuderi

il libro: raccolta di saggi di studiose internazionali che affronta per la prima volta in Italia la questione dell’oppressione e della resistenza delle donne omosessuali sotto i nazifascismi europei

 Paola Guazzo ne parla con: Antonella Petricone e Monica Cristina Storini

Centro Femminista Separatista

c/o Casa Internazionale delle Donne

Via S. Francesco di Sales 1/b

 Evento solo donne

Stop Movie di Cristina Zanetti

stop movie di cristina zanettiCentro Femminista Separatista

Area Cultura Casa internazionale Delle Donne

presentano il libro

STOP MOVIE  L’ingrato compito di vivere al passato

di Cristina Zanetti

Sabato 28 novembre 2009 ore 19.00

Il libro: La fine può essere un nuovo inizio. La morte della madre, incipit del romanzo, separa con un segno netto il tempo del prima e del dopo. È finito il lungo, faticoso, claustrofobico percorso familiare e può finalmente iniziare la nuova vita della protagonista. Destinazione? Ignota. Non importa la meta, quello che conta è il viaggio. Ma a un certo punto tutto crolla addosso: la nuova vita, che aveva così tenacemente costruito, perde di senso e la nuova sconfitta si materializza nella fine dell’amore. Le probabilità che ha di cavarsela equivalgono a premere lo stop.

Sarà ospite l’autrice 

Sala Simonetta Tosi c/o Casa Internazionale delle Donne Via S. Francesco di Sales 1/b

Per Info:  contatti@clrbp.it – tel. 066864201

La voce a me dovuta di Vincenza Tomaselli

La voce a me dovuta di Vincenza TomaselliCentro Femminista Separatista

Area Cultura Casa Internazionale Delle Donne

Presentano il libro

LA VOCE A ME DOVUTA di Vincenza Tomaselli

Venerdi 24 Aprile 2009 ore 18,30

Presso CLR – Casa Internazionale delle Donne Via S. Francesco di Sales 1/b

Il libro:Dopo sette mesi di feroce corte e spudorata poesia sentimentale, un giorno la Follia decise di accettare l’invito della Curiosità: una romantica passeggiata in riva al mare. Approfittando di un momento di silenzio e decisa a conquistare il cuore della sua amata, la Curiosità guardò la Follia negli occhi e le chiese: «Supponiamo che tu fossi costretta a fare a meno di tutte le parole che conosci, eccetto sette, quali manterresti?». Quasi senza esitare la Follia rispose: «Dio, vita, amore, bellezza, terra …» ma non riusciva a trovare le ultime due per completare il gioco. Così dopo essersi sfidata ripetutamente, irritata e indispettita la Follia chiese alla Curiosità di terminare al suo posto la serie di nomi. Quello era il momento per capire quanto di loro sarebbe rimasto nel tempo, così, raccolto il coraggio fra le mani, la Curiosità rispose: «Hai nominato parole importanti che racchiudono valori fondamentali per l’esistenza di ognuno di noi, tuttavia hai dimenticato le più importanti di tutte, senza le quali le altre non avrebbero potere, Ovvero ‘tu’ ed ‘io’. Senza queste parole non ce ne sarebbero altre. Dobbiamo essere e dobbiamo prendere». Senza Curiosità e Follia la vita non avrebbe senso.

Per Info: contatti@clrbp.it – tel.066864201

Fuori della norma – Storie lesbiche nell’Italia della prima metà del Novecento

Fuori della Norma - Storie lesbiche nell'Italia della prima metà del Novecento

 

Il Centro Femminista Separatista vi invita alla presentazione del libro FUORI DELLA NORMA, Storie lesbiche nell’Italia della prima metà del Novecento – A cura di Nerina Milletti e Luisa Passerini

Autrici: Elena Biagini, Alessandra Cenni, Nerina Milletti, Nicoletta Poidimani, Gabriella Romano, Laura Schettini

Ospiti: Elena Biagini e Nerina Milletti
In programmazione il 14 maggio 2007 in Via S. Francesco di Sales, 1B
L’amore tra donne in Italia non fu soltanto negato o non visto, ma se ammesso era considerato irrilevante come realtà umana e culturale.

Su questa base si giustifica l’originalità di questo libro nel panorama nazionale: «il primo libro sulla storia lesbica italiana del Novecento».

a seguire… verrà offerto un cocktail

Vi invitiamo a venire in tante a questo evento, aperto a sole donne
Per informazioni scrivete a: contatti@clrbp.it

Vi aspettiamo!!!

L’amore secondo noi di Delia Vaccarello

L'amore secondo noi di Delia Vaccarello

Centro Femminista Separatista – Coordinamento Lesbiche Romane e Zora Neale Hurston presentano il libro L’amore secondo noi di Delia Vaccarello.

In programmazione il 2 dicembre 2005 in Via S. Francesco di Sales, 1B

Delia Vaccarello, giornalista professionista e scrittrice, è nata a Palermo nel 1960. Impegnata nelle tematiche sociali, svolge docenze di “media e orientamento sessuale” presso la scuola di giornalismo di Bologna, è curatrice della pagina “Uno, due, tre… liberi tutti”, presente a martedì alterni sull'”Unità”. È autrice de “Gli svergognati. Vite di gay, lesbiche, trans… storie di tutti” (La Tartaruga, 2002) e curatrice delle tre antologie “Principesse azzurre” (Mondadori, 2003-2004-2005). In questa ultima inedita opera raccoglie sette storie in prima persona seguite da sette “viaggi” nel territorio dell’adolescenza, che attraversano temi di grande attualità e profonda delicatezza e approdano alle più diverse descrizioni dell’amore.

Ospiti:
– l’autrice
– Elena Biagini di Azione Gay e Lesbica di Firenze, promotrice dell’Iniziativa DAPHNE “Chi sono quella ragazza, quel ragazzo”, progetto di informazione e sensibilizzazione per combattere la violenza contro gli adolescenti omosessuali.

Programma:

ore 19:00 Presentazione del libro

Vi invitiamo a venire in tante a questo evento, aperto a sole donne
Per informazioni scrivete a: contatti@clrbp.it

Vi aspettiamo!!!

UA-37150046-1